SULLA REALIZZAZIONE DEL “CASELLINO” LA STRADA E’ TUTT’ALTRO CHE IN DISCESA PDF Stampa E-mail
 

Scritto da Ale DiDo Admin, 14-01-2013 07:01

Visite : 3599    

Favoriti : 535

Pubblicato in : Attività Politica, Infrastrutture

Condivido e capisco le parole del Sindaco che, sulla questione del Casellino di Santa Veneranda, vede la fine del tunnel con la convenzione che dovrebbe mettere d’accordo tutti, da ANAS e ASPI, al Comune, alla Regione, ma strada è ancora molto lunga, in salita e irta di difficoltà.

Premesso che tra circa un anno ci saranno le elezioni amministrative, che saranno il vero referendum cittadino, sempre negato, sul casellino e ospedale di fosso Sejore, occorre precisare per onor di cronaca che quando finalmente partiranno con i lavori, dovranno rispettare la mozione che fu presentata dal sottoscritto, e votata all’unanimità, che prevede anche la realizzazione contestuale delle opere adduttorie. Il testo citava: ”il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la giunta a: invitare ASPI a procedere celermente alla progettazione e realizzazione delle circonvallazioni di Muraglia e Santa Veneranda, contestualmente alla realizzazione del casellino, così come votato dal consiglio comunale, nonché di procedere ancor più celermente alla realizzazione della bretella di F.lli Gamba e l’ampliamento della strada provinciale urbinate, prevedendo le 4 corsie anche nel tratto tra la Montelabbatese e l’Urbinate”. Pertanto non vedo come mai ci sia tutta questa “eccitazione” sulla convenzione o sugli accordi con ANAS e ASPI e con Spacca, quando l’indirizzo è chiaro, limpido e lineare; piuttosto, non altrettanto si può certo dire sul “mistero” che circonda il progetto del casellino stesso. Infatti sembra che vi siano due opzioni, una meno impattante con un asse di lunghezza del casellino di 75 m che garantirebbe una cassa di espansione del Genica più ampia, una più impattante di 150 m che potrebbe predisporre il casellino anche per le rampe a Nord. Perché non ce lo dicono?

Comunque vada il passaggio in Aula sarà d’obbligo e vedremo se avranno rispettato gli indirizzi del Consiglio Comunale e i tempi di realizzazione di tutte le opere. Tenuto conto che siamo ormai a un anno dalle elezioni comunali del 2014, difficilmente in un anno riusciranno a far partire tutte le opere ed allora consiglio ad ASPI e ANAS di finire con la 3° corsia, alzare le barriere antirumore basse già montate, cominciare almeno a picchettare la bretella di F.LLi Gamba e al raddoppio della Urbinate fino all’attuale casello di Pesaro Nord, e iniziare con l’iter Amministrativo per la circonvallazione di Muraglia, Santa Veneranda, nonché il raddoppio della Interquartieri, poi sul casellino ragioneremo se lasciarlo a Santa Veneranda o riportare il Casello Intero sulla nuova Montelabbatese... a buon intenditor poche parole!

Ultimo aggiornamento : 14-01-2013 09:01

   
Figo: lo DIGO!
Salva su Salvasiti.com
Articoli simili
Riporta questo articolo sul tuo sito
Aggiungi a lista preferiti
Stampa
Spedisci a un amico

Tags : terza corsia autostrada a14, pesaro, casello pesaro sud, santa veneranda, anas pesaro, aspi, montelabbatese, urbinate, consiglio comunale di pesaro, bretella gamba, cassa espansione genica, circonvallazione di muraglia


Commenti utenti  File RSS dei commenti
 

Valutazione utenti

   (0 voto)

 


Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti possono commentare un articolo.

Nessun commento postato



mXcomment 1.0.6 DIGO -  © 2007-2019 - visualclinic.fr - Licenza Creative Commons
Modificato da Fiuh!Team - FIUH.it - Alcuni diritti riservati
< Prec.   Pros. >
© 2019 Alessandro Di Domenico
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.